LA FAMIGLIA MODELLO  - foto

Ti voglio raccontare una storia.

 

La protagonista è una donna lavoratrice: si fa in quattro per la sua professione e nell'ultimo anno ha portato a casa 15.488 euro netti. Non è molto, ma potrebbe bastarle per vivere serenamente. 

 

Se non fosse che...

 

La donna è sposata da molti anni con un uomo pigro e sfaticato, che passa il suo tempo in bar malfamati. Oltre ad approfittare di vitto e alloggio, senza contribuire per nulla alle spese di casa, l'uomo si fa dare dalla moglie una parte di quello che lei guadagna: solo nell'ultimo anno ha ricevuto da lei 3.975 euro. Ripete che si tratta del "pagamento" dovutogli per lo svolgimento dei "lavori di casa", ma questi lavori in realtà non li fa quasi mai, se non in qualche rara occasione (comunque decisamente male e molto lentamente). Se la donna rifiuta di consegnare quei soldi, il marito diventa molto violento e passa alle minacce fisiche, che sfociano in drammi qualora scopra tentativi di nascondere qualche banconota guadagnata con gli straordinari. Inoltre la donna, inutile negarlo, è ancora innamorata del suo aguzzino, e a volte si sorprende addirittura a pensare che è "contenta" di dargli quei soldi, o che è suo "dovere" farlo.

 

I soldi in teoria rimanenti alla lavoratrice dopo la "paghetta" del marito sarebbero ancora sufficienti per vivere in modo dignitoso. Tuttavia nella famiglia ci sono anche quattro figli maggiorenni, tutti nullafacenti e viziati come il padre, di cui ricalcano il comportamento in tutto e per tutto. Quest'ultimo obbliga la moglie a "condividere" un po' dei suoi soldi anche con i quattro giovanotti, soprattutto con il primogenito. Fare "i conti in tasca" ai quattro ragazzi non è facile: ognuno chiede somme differenti, con modalità e tempi differenti, e la donna non ha certo il tempo per tenere una contabilità precisa e dettagliata. Quello che è certo è che durante lo scorso anno la lavoratrice, nel complesso, ha "versato" al resto della famiglia ben 7.899 euro! Le sono rimasti solamente 7.589 euro: meno della metà di quello che aveva faticosamente guadagnato ... e a malapena sufficienti per la sopravvivenza (si tratta di circa 632 euro mensili)!

 

La storia è già abbastanza cupa, ma devi sapere che c'è dell'altro! Il marito, infatti, è anche una persona estremamente possessiva e fastidiosa e impedisce alla moglie di lavorare con serenità: la costringe a svolgere commissioni per lui in orario di ufficio, la chiama decine di volte al giorno facendole scenate di gelosia, le scrive continuamente messaggi per controllarla, con l'effetto di farle perdere concentrazione e produttività. Ovviamente gran parte delle scocciature in questione riguardano i soldi: con un'infinità di scuse il marito cerca di tenere sempre sotto controllo le entrate della poveretta; ma in molti altri casi si tratta di richieste del tutto assurde, spesso spacciate per premura nei confronti di lei. Anche i quattro figli, emulando il genitore, passano la giornata ad infastidire la madre e a sobbarcarla di compiti inutili: per la poveretta lavorare è sempre più difficile, e le sue possibilità di carriera ne risentono.

 

Ancora non basta! Il marito, oltre a non lavorare, spende moltissimo nel corso delle sue giornate: beve come una spugna, offre da bere ai loschi individui con cui si accompagna, scommette sulle corse e passa ore davanti ai video-poker! Solo nell'ultimo anno il disgraziato, a fronte della sua "paghetta" di 3.975 euro, ne ha spesi ben 7.514, quasi il doppio! Per sostenere questo stile di vita è costretto a chiedere continuamente prestiti ai compagni di bevute e di giocate, e credito ai baristi! Paradossalmente, intanto, ha utilizzato i soldi della moglie per costruirsi nel corso degli anni una vasta collezione di francobolli rari, del valore stimato di oltre 4.500 euro, che tiene nascosti in cantina. Di nuovo, anche i quattro figli emulano il padre, sperperando più di quanto incassano, indebitandosi fino al collo e accumulando nel frattempo di nascosto una raccolta di fumetti da collezione.

 

La situazione non può andare avanti così: le spese dell'uomo e dei figli aumentano sempre di più, mentre lo stipendio della donna, a causa del suo scarso rendimento sul lavoro dovuto alla mancanza di concentrazione, negli ultimi anni è diminuito. Inoltre l'ammontare di debito accumulato è talmente alto che oramai i soldi che l'uomo estorce alla moglie sono a malapena sufficienti per pagare gli interessi ... e così altri debiti vengono fatti solamente per poter pagare i debiti precedenti, a tassi sempre più elevati, in una spirale apparentemente senza uscita! In una notte di tempesta, dopo che si è sparsa la voce di una grossa somma di denaro persa dall'uomo scommettendo su una corsa, tutti i creditori si presentano infuriati alla porta di casa, minacciando provvedimenti spiacevoli qualora non rientrino in possesso di almeno una parte del credito entro il giorno successivo. L'uomo urla alla donna che la famiglia è in pericolo, e che per scongiurare il peggio occorrono "sacrifici": sostanzialmente chiede alla moglie di aumentare ulteriormente la sua "paghetta", affinchè lui possa ripianare parte dei suoi debiti. Non solo: l'uomo chiede anche alla moglie di vendere una piccola parte dei suoi gioielli e cimeli di famiglia, consegnando a lui tutto il ricavato (ovviamente non fa alcuna menzione alla sua preziosa collezione di francobolli, o a quelle di fumetti possedute dai figli).

 

Cosa deve fare, secondo te, la povera protagonista della nostra storia? Piegarsi anche questa volta alla volontà del marito dissoluto, sprecone, fannullone e violento? Oppure iniziare a farsi valere, al limite adombrando ipotesi estreme come quella di un divorzio, malgrado il sentimento che ancora nutre verso di lui?

 

 

COSA SUGGERIRESTI ALLA DONNA IN QUESTIONE?

 

Ah, per tua informazione:

1) La donna si chiama "Italia", il marito si chiama "Stato", i quattro figli si chiamano "Inps" (il primogenito),"Regione", "Provincia" e "Comune".

2) Se aggiungi otto zeri alle cifre della storia che ti ho raccontato, ottieni*:

    1.548.816.000.000 = il prodotto interno lordo italiano nel 2010,

       397.500.000.000 = le entrate fiscali nazionali nel 2010,

       789.896.160.000 = il prelievo totale sulla base del 51% di pressione fiscale REALE**

       751.400.000.000 = spesa statale nel 2010, 

    1.843.015.000.000 = stock di debito pubblico a fine 2010,

       450.000.000.000 = valore approssimativo del patrimonio pubblico cedibile a fine 2010***. 

 

*: dati da www.istat.it

**: stima da www.cgiamestre.com

***: stima da www.brunoleoni.it

 

Se vuoi cambiare il finale della storia, UNISCITI A NOI:

Come organizzare una tappa

Contatti utili

Unisciti al gruppo Facebook

Seguici su Twitter

 

 

---------------------------------------

 


La storia è stata redatta nel gruppo Facebook del Tea Party Italia da Giacomo Zucco con l'aiuto degli altri aderenti. Si tratta della versione aggiornata del documento "LA FAMIGLIA MODELLO (di Irresponsabilità)" che trovate cliccando qui. Vi suggeriamo di tenerne qualche copia pronta da distribuire ad ogni tappa del movimento e anche ai vostri amici e conoscenti ;)


 


Questo articolo ha avuto 3027 letture
Articolo postato il 30/11/2011 - Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Questo articolo ha avuto 5 commenti


Enrico

Postato il 2011-12-03 06:22:29

La storiella rende efficacemente l'idea. Orribile la figura del marito-aguzzino. Comunque bene e avanti tutta.

tn requin

Postato il 2013-03-29 06:52:33

thank for your sharing,i like it very much!

Lexia 3 BMW GT1

Postato il 2013-04-12 07:25:29

If you do not know how to use digimaster 3 csh

Tn Pas Cher

Postato il 2013-05-21 10:46:06

This is one of the best blogs I’ve ever read. I m absolutely excited to get to read such a well blog.

MCSA Certification

Postato il 2013-06-05 03:53:31

I re-entered the career search with an Microsoft Certified Systems Administrator card. MCSA Certification at the time was a new offering from Microsoft and the A+ certification wasn't being applied toward the exams. That's 4 MCP tests (I passed them all on the first try).

Alcuni aderenti ai Tea Party:chiudi

Libertiamo TEA Party Olanda Tocqueville Tasse 33 SBL Napoli Liberal Movimento Libertario FreedomWorks Movimento per la Gente Mondopiccolo


Vedi la lista Completa

Partners