Sostieni il Tea Party Italia (da oggi anche con i Bitcoin)  - foto
Il movimento Tea Party Italia non riceve alcun tipo di finanziamento dal sistema politico: da sempre vive e opera grazie alle donazioni dei militanti e alle risorse che i produttori di ricchezza decidono di “investire” in esso per garantirsi un’ultima difesa contro la casta parassitaria. Da qualche giorno potete notare, nella pagina delle donazioni, istruzioni per un nuovo metodo che si affianca a quelli tradizionali: la donazione in Bitcoin

Il protocollo Bitcoin rappresenta un esperimento estremamente innovativo: la creazione di una valuta digitale, distribuita, open source, basata sul sistema di crittografia a due chiavi, non inflazionabile e completamente privata, indipendente dalle interferenze arbitrarie di politici, burocrati, governi e banche centrali.

La scelta di Tea Party Italia di divenire il primo e ad oggi unico movimento in Italia che accetta donazioni in Bitcoin è dettata senza dubbio da motivi di praticità: i trasferimenti in Bitcoin sono un processo semplice, istantaneo, rispettoso della privacy e virtualmente gratuito a livello di commissioni. Ma la scelta è anche dettata da una presa di posizione ideale: quella a favore della concorrenza in campo monetario. Spieghiamoci meglio:

1) Il movimento Tea Party Italia si batte innanzitutto contro l’eccessiva tassazione. Sappiamo bene che uno dei metodi più subdoli con cui i governi possono tassare i produttori di ricchezza è tramite l’inflazione: la corrosione del potere d’acquisto della moneta, uno strumento di cui le istituzioni politiche (nel nostro caso prima la Banca d’Italia, oggi la BCE) detengono il monopolio legale totale, e di cui gli Stati nazionali impongono l’utilizzo grazie al legal tender. L’inflazione implica un trasferimento netto di ricchezza dai privati allo Stato in diversi modi noti da tempo agli economisti: l’“effetto Cantillon” per il quale il potere d’acquisto viene spostato dagli ultimi spenditori della nuova moneta ai primi spenditori (lo Stato stesso e le clientele ad esso più vicine), la svalutazione dei debiti (tra cui quello, immenso, che lo Stato ha nei confronti di fornitori, risparmiatori, creditori in genere), il fenomeno del “fiscal drag” (l’aumento impositivo effettivo dovuto al diminuito valore delle soglie delle aliquote fiscali in regime di tassazione progressiva). L’inflazione, in definitiva, è una tassa occulta imposta sui contribuenti ignari delle decisioni prese sopra le loro teste (e con i loro soldi). 
Il sistema dei Bitcoin, a differenza della moneta statale, non è inflazionabile a piacere: il rigido algoritmo di "mining" è infatti programmato per la scarsità, non è modificabile e tende a una quantità finita di moneta. E’ quindi impossibile per qualunque Stato utilizzare questa valuta al fine di sottrarre risorse all’economia reale tramite l’inflazione. 

2) Tea Party Italia, più in generale, si batte anche contro le deleterie distorsioni del mercato generate dall’interventismo della politica e della burocrazia. Oltre all’inflazione esiste il fenomeno (strettamente collegato) della manipolazione monetaria: anche quando non aumentano la base monetaria inflazionando, i governi e le banche centrali di tutto il mondo utilizzano il controllo di cui dispongono sulla moneta per distorcere i tassi di interesse generando bolle, che sfociano poi in successive crisi, come quella in cui ci troviamo ora.
Il sistema dei Bitcoin, invece, non è in alcun modo manipolabile! Basato su protocollo open source, distribuito e “peer to peer”, è al di sopra di qualunque tentativo di controllo: nessuna istituzione, nessuna organizzazione, nessun gruppo  può prendere il controllo della moneta ed  utilizzarla per drogare il mercato e creare bolle finanziarie seguite da crisi drammatiche.

3) Tea Party Italia, infine, si batte per il diritto di ciascuno alla privacy: “Quanti soldi ho e come li spendo sono affari miei!”. Lo Stato calpesta questo diritto spiando e tracciando i risparmi, i redditi e le spese di tutti noi per poter così sottrarre la maggior quantità di risorse possibile. Questo avviene in parte anche con la moneta contante (che qualche fan della tassazione illimitata vorrebbe addirittura vietare), ma soprattutto con quella “virtuale” su canali tradizionali (carte credito/debito, conti correnti, ecc.). Quando il governo ha bisogno di ulteriore liquidità, non deve fare altro che attuare “prelievi forzosi” sui conti, come è già accaduto in passato, oppure utilizzare le informazioni personali come base per l’emissione di “cartelle pazze”, o di “accertamenti” che assomigliano molto da vicino ad estorsioni. 
Il sistema Bitcoin, a differenza del denaro virtuale tradizionale, può essere utilizzato in modo sostanzialmente anonimo, garantendo la privacy nei confronti dello Stato ancora meglio dei contanti.

Ci sono anche soluzioni più tradizionali ai problemi costituiti dalla tassa da inflazione, dalla manipolazione dei tassi o dalla violazione della privacy: per esempio le monete in metalli preziosi. Ma il sistema Bitcoin rappresenta senz’altro un’alternativa più moderna, efficiente, accattivante e adatta all’era digitale nella quale viviamo: grazie ad esso è possibile trasferire in pochi istanti qualunque somma di denaro, addirittura tra diversi continenti, utilizzando semplicemente uno smartphone.  Per un movimento basato su contributi volontari come Tea Party Italia, inoltre, riveste anche particolare importanza la possibilità per i donatori di monitorare ogni movimento della somma depositata: il sistema Bitcoin permette infatti sia la massima riservatezza che la massima trasparenza. Dacci una mano già oggi e inizia una nuova avventura monetaria!

Giacomo Zucco e Luigi Angotzi


Questo articolo ha avuto 8297 letture
Articolo postato il 30/10/2013 - Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Questo articolo ha avuto 0 commenti


Alcuni aderenti ai Tea Party:chiudi

UltimaThule La Cittadella Interiore Storia Libera Impresa è Rivoluzione Liberal Cafè Generazione Protagonista TEA Party Olanda Tea Party Patriots Libertiamo Impegnati


Vedi la lista Completa

Partners