Perché il Tea Party non vi indicherà nessuno da votare il 25 maggio - foto
Il Tea Party Italia, come qualcuno ha detto una volta, è un piccolo vascello di pirati in un mare pieno di grosse navi armate fino ai denti, squali e onde anomale. Quattro anni di questa straordinaria avventura umana e politica ci hanno insegnato molto, in particolar modo a non perorare cause perse solo perché "di moda" in quel momento, nè di farci inglobare in grossi contenitori luccicanti fuori e moribondi dentro.

La nostra strategia ha avuto i suoi risultati: dopo quattro anni il Tea Party Italia è l'unico movimento ancora autenticamente grassroots in Italia, sano e credibile. L'unico movimento genuino, vivo e giovane presente nell'area liberale e conservatrice.

Questo patrimonio è un forziere prezioso che, noi corsari, non baratteremo facilmente. E' per questo che nelle elezioni del 25 maggio il Tea Party Italia non vi darà alcuna indicazione di voto, al contrario di quello che facemmo alle ultime politiche, dove vi consigliammo una lista di persone (non partiti) firmatari del nostro pledge contro le tasse. In molti (candidati e attivisti) ci hanno chiesto che ne fosse del pledge 2014. Il pledge 2014 non è stato redatto perché ci saremmo trovati in serio imbarazzo a stilare una lista di candidati a cui proporlo che non andasse oltre le dita di una mano.

Oltre la propaganda becera e ignorante dei no-euro e oltre l'Europa ancora più socialista sognata da tutti gli altri il Tea Party continuerà nella sua opera culturale di semina che un giorno, ne siamo certi, vedrà i suo frutti in una generazione nuova. Una generazione che avrà visto sotto i propri occhi il fallimento dello statalismo come i ragazzi della Germania Est videro il fallimento del comunismo.

Ci rivedremo in pista dopo queste elezioni, per continuare ad abbattere muri e per ricostruire insieme l'area liberal-conservatrice del futuro dell'Italia. Un futuro che, oggi più di ieri, continua ad appartenerci.


Giacomo Zucco, David Mazzerelli, Riccardo Cavirani, Francesca Burichetti, Giulia Bonaudi


 

Questo articolo ha avuto 3554 letture
Articolo postato il 17/05/2014 - Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Questo articolo ha avuto 0 commenti


Alcuni aderenti ai Tea Party:chiudi

Libertù, Virtù, Occidente The Lo Re Report Zuppa di Porro - il blog di Nicola Porro Lodi Protagonista L'Officina - Centro Culturale Verona THE FIELDER Osservatorio Nazionale Politiche Conservatrici Tea Party Piemonte SBL Tasse 33


Vedi la lista Completa

Partners