Obama in Italia? Solo un altro socialista #NotWelcome - foto
"Just Another Socialist in Italy" recita la locandina approntata dal Tea Party Italia per salutare la visita di barack Obama nel nostro paese. #NotWelcome è l'Hashtag lanciato per salutare questa speciale occasione. 

Francesca Burichetti, Segretario Generale del Tea Party Italia, è netta: "Prendiamo le distanze dal politicamente corretto dilagante in questi casi: l'attuale Presidente degli Stati Uniti è un leader che maschera politiche distruttive con forme di filantropia. Inoltre Obama non lavora alla costruzione di un dialogo intereuropeo, come sta dicendo da quando è atterrato, ma è invece di ostacolo per i rapporti, ad esempio, tra UE e Russia, Paese che per ragioni storiche e culturali rappresenta un interlocutore fondamentale per lo sviluppo economico dell’area Euro".

Il Tea Party Italia, come gli omonimi cugini d'Oltreoceano, non fa mistero di considerare le posizioni di Barack Obama socialiste, oltranziste e pericolose per la libertà non solo degli Stati Uniti ma del mondo intero.
"Le politiche di Obama sono arroganti non solo con il suo paese" continua Francesca "ma anche con gli stati che non si allineano spontaneamente con il suo pensiero, come già accaduto per la Libia e come sta accadendo in questi giorni per la questione dell'Ucraina". L’esclusione della Russia dal G8 è un’ulteriore conferma di una politica estera dispotica e retrograda, che congela e indebolisce gli sforzi diplomatici internazionali dell’ultimo ventennio".

Ma il peggio viene dal fronte economico: al centro dell’incontro Obama-Renzi si prevede un allineamento delle agende  "di riforme" dei due leader, un passaggio pericoloso per l’Italia che – anche senza il bisogno dell’intervento di un Presidente statalista – sta già morendo di welfare. Anche su questo piano, Tea Party Italia prende le distanze, ribadendo per il nostro Paese l’urgenza di politiche a favore dell’abbattimento delle tasse e dello smantellamento dell’intervento statale, intervento di cui invece Obama è da sempre il più importante (ed ingombrante) alfiere mondiale.

Questo articolo ha avuto 2517 letture
Articolo postato il 27/03/2014 - Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Questo articolo ha avuto 0 commenti


Alcuni aderenti ai Tea Party:chiudi

Lodi Protagonista Imprese Che Resistono Fondazione Vincenzo Scoppa Il legno Storto Napoli Liberal Impresa è Rivoluzione Tasse 33 Storia Libera Libertù, Virtù, Occidente FreedomWorks


Vedi la lista Completa

Partners